Home Page SocialPrestiti


Tassi di interesse nei prestiti e finanziamenti


Tassi di interessi nei prestiti e nei finanziamenti come misurare il tasso interesse di un prestito o di un finanziamento con il tegm



Chi arriva in questa pagina è perchè interessato ai tassi di interesse dei prestiti e finanziamenti in genere online. Non sapendo cosa di concreto voglia il nostro lettore cercheremo di rispondere a più quesiti, quali: che tipo di tasso di interesse ha un prestito o un finanziamento? C'è distinzione tra i tassi e su quali operazioni? Come determinare se il proprio finanziamento ha un buon tasso? Procediamo con ordine. In primis, quasi tutti i tassi di interesse applicati ai prestiti e finanziamenti sono a tasso fisso: a parte i mutui, è raro trovare il tasso variabile il quale è per lo più accordato per esigenze particolari, ma la regola è quella del saggio fisso che una volta determinato, rimane immutabile. Poi, non tutti i tassi di interesse sono alla mercè degli istituti bancari: la misura dei saggi da applicare è diversa in base al tipo di operazione sottesa. Ognuna di queste, è determinata da un indicatore che ha il nome di Teg o Tegm cioè Tasso Effettivo Globale Medio.

Il tegm, come riportato a proposito di prestiti e anti usura, è la media aritmetica di ogni tipo di operazione creditizia, incluso qualunque onere accessorio. A titolo esemplificativo, se gli interessi bancari al taeg della banca A sono del 12%, quelli della banca B del 13% e della C del 14%, il teg medio è del 13% (tegm = 12+13+14 = 39/3 = 13). E' semplice! Naturalmente questo procedimento sarà fatto per ogni singola tipologia di operazione creditizia. Quest'ultime oscillano tra loro, e di parecchio, in base alla natura o funzione sottostante: si parte dai tassi di un conto corrente senza affidamento per arrivare a quelli dei crediti personali i quali possono avere una forbice anche superiore al 10%. All'interno della forbice dei tassi di interessi troviamo le altre operazioni bancarie quali le revolving, le cessioni del v, interessi derivanti da transazioni commerciali ecc.

Continuando, i tassi interesse dei prestiti sono addirittura esagerati se confrontati con quelli dei mutui. Infatti, un mutuo consta di saggi mediamente inferiori di 5-6 volte. Questa disparità è comunque giustificata dalla funzione sociale tipica di questo finanziamento: acquistare la tanto desiderata abitazione per sè e family. I dati riportati superiormente purtroppo non sono una nostra mera opinione ma possono essere da subito oggetto di riscontro nella nostra tabella di calcolo usura, la quale viene da noi aggiornata ogni tre mesi per mostrare tutte le operazioni legalmente previste nel segmento dei finanziamenti ad esclusione di mutui i quali sono stati inseriti nella apposita sede essendo oggetto di diversa discussione.

Per terminare il discorso sui tassi di un prestito possiamo finalmente rispondere al quesito de come misurare il proprio tasso tasso di interesse? Il criterio di valutazione per determinare che tipo di tasso ha applicato o applicherà il nostro finanziatore sarà quello di rapportare il taeg dichiarato con il tegm indicato nel superiore link: se il primo è uguale al secondo avremo un tasso medio, se il taeg è inferiore al tegm allora è un ottimo tasso mentre se è superiore è meglio che cambiamo banca o finanziaria o almemo facciamo notare loro che stanno per proporci un finanziamento che è mediamente superiore a quello che offre il mercato e che se vogliono perferzionarlo debbono riportare il tasso almeno a quello medio di mercato, pena la perdita di un futuro cliente. Voci correlate: sistemi di confronto dei tassi dei prestiti di banche e finanziarie




Tassi d'interesse nei finanziamenti