Home Page SocialPrestiti


In cosa consiste il microcredito in Italia e microcredito 5 stelle


Microcredito in Italia situazione attuale e prospettive future e microcredito movimento 5 stelle



La situazione del microcredito in Italia segue quella di cui ci siamo occupati nella prima parte (vedi link a fine articolo) a proposito del piccolo microcredito in generale. Nella predetta parte abbiamo detto che il microcredito ha origini antiche in base alle quali possiamo affermare che lo stesso è nato proprio in Italia (infatti è stato fondato dai seguaci di San Francesco). Mentre, abbiamo spiegato le "origini" moderne da attribuirsi a quel signore del Bangladesh (Yanus). In questa sede descriveremo il moderno microcredito italiano e il suo evolversi nel corso degli ultimi decenni fino alla situazione attuale e sue prospettive future.

Allora, in cosa consiste il microcredito in Italia? Quest'ultimo, così com'è conosciuto, è nato intorno alla fine degli anni settanta. Da allora coinvolge e continua a coinvolgere sia istituzioni pubbliche, in particolare la regione, che quelle private. Le prime erogano del microcredito soprattutto a livello regionale: la pi&eugrave; nota è il microcredito della regione lazio ma vi è pure quello della sardegna sicilia o in campania puglia etc. Anche le città fanno del microcredito in regime di convenzione con le normali banche secondo il seguente schema: la banca eroga il capitale, mentre il comune oltre a garantire il rientro dello stesso paga gli interessi. Le città più note sono torino milano roma bari ed ancora caltanissetta palermo genova ecc. cioè il micro credito comunale non è presente in tutta Italia ma, a macchia di leopardo, in gran parte di essa. Di recente e unico nel suo genere c'è il microcredito 5 stelle ovvero il microcredito del movimento 5 stelle creato dai parlamentari Pentastellati con un fondo accantonato grazie ai tagli dei loro stipendi da parlamentari. Malgrado il nome de "Micro Credito", il microcredito cinque stelle arriva fino a 35 mila €.

A livello di istituzioni private italiane, sono molti di enti no-profit che si occupano di microcredito ma una su tutte, la più grossa che ha rilevanza pubblica, è la Caritas Italia. Tramite qualsiasi sportello della Caritas italiana si possono avere informazioni sul microcredito erogato da loro. Prima di avviarci alla conclusione dobbiamo far notare al lettore una differenza che riguarda i destinatari del microcredito in Italia: mentre nei paesi poveri ad es. Africa o Sud America quasi il 100% del microcredit è delle donne, in Italia è al contrario. Probabilmente tale dato è causato della diversa cultura tra i luoghi considerati ovvero in Italia "campare" la famiglia è (?) prerogativa maschile, mentre nei paesi più poveri lo stesso ruolo è delle donne. Sarà relativa, ma non notiamo altra spiegazione.

Se questa è la situazione attuale circa le prospettive future possiamo affermare che il fenomeno del microcredito italiano pian pianino va migliorando: è in lenta ma continua espansione. Questa, è divulgata ulteriormente tramite le nostre università: sono sempre più i master in microcredito che parlano italiano. La nostra modesta opinione è che: per noi è una tipologia di finanziamento assolutamente positiva in quanto non rientra nè tra le forme di assistenzialismo (che è una "istigazione" a non fare niente) nè tra quelle della beneficienza (che per alcuni è mortificante) ma, coi tempi che corrono, è un valido input per aiutare chi ha intenzione di lavorare. In definitiva, al quesito de in cosa consiste il microcredito possiamo rispondere senza dubbio che il microcredito in Italia (e non solo) ruota intorno ad un unico obiettivo: creare lavoro. Ulteriori informazioni su: piccolo microcredito
Correlate: Come ottenere piccoli o piccolissimi e piccoli prestiti e finanziamenti




Microcredito in Italia & M5S